Storie in rete.org

“Didattica della storia e consapevolezza di cittadinanza. Riflessioni e proposte per il curricolo verticale e per la definizione delle competenze”, a cura del Tavolo tecnico-scientifico della didattica della storia – USR Lombardia, Ledizioni, Milano, 2021

Stampa questo articolo | apr 2nd, 2022 | By admin | Category: Didattica della storia, proposte didattiche, Pubblicazioni

Didattica della storia e consapevolezza di cittadinanza. Riflessioni e proposte per il curricolo verticale e per la definizione delle competenze, a cura del Tavolo tecnico-scientifico della didattica della storia – USR Lombardia, Ledizioni, Milano, 2021

Il volume contiene la documentazione e gli esiti del Percorso triennale (2017-2019) di formazione e accompagnamento di Didattica della storia per i docenti delle scuole di ogni ordine e grado Costruire un curriculum verticale di formazione storica per l’acquisizione di competenze disciplinari e di cittadinanza, promosso dal Tavolo tecnico-scientifico della didattica della storia dell’Ufficio Scolastico Regionale (USR) per la Lombardia, costituito con Decreto del Direttore Generale dell’USR Lombardia il 12 novembre 2014 (prot. n. 1765) e integrato il 18 ottobre 2016 con Decreto prot. n. 2984. Al percorso hanno partecipato 108 insegnanti di 72 Scuole primarie e  secondarie di primo e secondo grado di tutte le province lombarde.

Il libro, dopo l’Indice sintetico (pp. 5-6), la Premessa. L’insegnamento della Storia tra pratiche di cittadinanza e Patti di comunità (pp. 7-8) di Augusta Celada e la Presentazione (pp. 9-11) di Roberto Proietto, si articola in due parti.

La I parte Un curricolo verticale di formazione storica per l’acquisizione delle competenze disciplinari e di cittadinanza (pp. 13-123) comprende cinque contributi:

- Un percorso di formazione e accompagnamento di didattica della storia di Simona Chinelli e Roberto Capuzzo (pp. 15-26);

- Didattica della storia: verso un modello di sintesi di Roberto Capuzzo (pp. 27-54);

- Le competenze storiche e geostoriche e il curricolo verticale di Ivo Mattozzi (pp. 55-64);

- Storia, ‘educazioni’, interdisciplinarità di Maurizio Gusso (pp. 65-74);

- Artigiani della storia. Come si insegna in un laboratorio storico di Antonio Brusa (pp. 75-107);

e i profili de Gli Enti e i soggetti coinvolti (pp. 109-123):

- Andrea F. Saba (a cura di), Istituto nazionale ‘Ferruccio Parri’ – Rete degli Istituti per la storia della Resistenza e dell’età contemporanea (pp. 109-110), Fondazione Isec – Istituto per la storia dell’età contemporanea (Sesto San Giovanni) (pp. 110-111), Istituto bergamasco per la storia della resistenza e dell’età contemporanea – Isrec (Bergamo) (pp. 111-112), Istituto lombardo di storia contemporanea – Ilsc (Milano) (pp. 112-113), Istituto mantovano di storia contemporanea – Imsc (Mantova) (p. 113) e Istituto pavese per la storia della resistenza e dell’età contemporanea – Ipsrec (Pavia) (pp. 113-114);

- Cristina Cocilovo (a cura di), Clio ’92 (Milano e Brescia) (pp. 114-117);

- Maurizio Gusso (a cura di), IRIS – Insegnamento e Ricerca Interdisciplinare di Storia (pp. 117-119);

- Roberta Madoi (a cura di), Azienda di Servizi alla Persona (ASP) Golgi-Redaelli – L’Officina dello storico (Milano) (pp. 119-121);

- Cesare Fenili (a cura di ), Fondazione MIA-Congregazione della Misericordia Maggiore – L’Officina dello storico (Bergamo) (pp. 121-123).

La II parte. Per una didattica tra storia, territori e curricolo (pp. 125-597) si apre con la presentazione (I Cantieri: pp. 127-150) dei dieci Cantieri:

1. Giovani testimoni di memoria (Bergamo) (pp. 127-129), coordinato da Luciana R. Bramati (Istituto bergamasco per la storia della resistenza e dell’età contemporanea);

2. Dalla Resistenza alla Ricostruzione (Milano) (pp. 130-132), coordinato da Andrea F. Saba (Istituto nazionale Ferruccio Parri) e Simone Campanozzi (Istituto lombardo di storia contemporanea);

3. e 4. Costruzione del curricolo delle operazioni cognitive e delle conoscenze significative: dai copioni ai processi di grande trasformazione (Milano e Brescia) (pp. 133-135), coordinato da Cristina Cocilovo e Luciana Coltri (Clio ’92);

5. Educazione al patrimonio archivistico-documentale (Milano) (pp. 136-137), coordinato da Andrea F. Saba (Istituto nazionale Ferruccio Parri), Stefano Agnoletto e Monica Di Barbora (Fondazione ISEC – Sesto San Giovanni);

6. Storia e memoria della Grande Guerra: parole e immagini (Mantova) (pp. 138-140), coordinato da Marida Brignani (Istituto mantovano di storia contemporanea);

7. Le fonti ‘artistiche’ (letteratura, musica, cinema ecc.) (Milano) (pp. 141-142), coordinato da Maurizio Gusso (IRIS) e Simone Campanozzi (ILSC);

8. Educazione al patrimonio culturale (Milano) (pp. 143-144), coordinato da Roberta Madoi (ASP Golgi-Redaelli-L’Officina dello storico) e Maurizio Gusso (IRIS);

9. Educazione al patrimonio culturale (Bergamo) (pp. 145-147), coordinato da Cesare Fenili (Fondazione MIA-L’Officina delo storico);

10. Percorsi storici tra guerra, libertà e ricostruzione (Pavia) (pp. 148-149), coordinato da Anna Paola Arisi Rota, Luciano Maffi e Caterina Mosa (Istituto pavese per la storia della resistenza e dell’età contemporanea).

La II parte prosegue con le schede sulle 64 unità di apprendimento (Le Unità di Apprendimento: pp. 151-597) sperimentate in classe  da 89 insegnanti e raggruppate in tre sezioni tematiche:

* Storia e memoria (pp. 153-293);

* Operazioni cognitive e conoscenze significative (pp. 295-404);

* Educazione al patrimonio (pp. 405-597).

Il libro si conclude con l’Indice analitico (pp. 599-605) e l’elenco de I docenti che hanno partecipato al corso (pp. 607-612).

- Versione in .pdf dell’intero volume in Open Access (scaricabile gratis)

- Copertina del libro

Scheda editoriale

(dal sito https://www.ledizioni.it)

In particolare si segnalano le Unità di Apprendimento sperimentate dalle insegnanti del Cantiere 7:

- Giuseppina Dellanoce, Eugenia Granata e Nunzia A. Ricchiuti, Rifugio 87. Una proposta territoriale di turismo culturale, sociale e ambientale sostenibile (pp. 407-412);

- Donatella RigottoLa Valle dei Monaci (pp. 465-467) e Storicizzare le differenze di genere interrogando le arti visive (pp. 557-560);

- Cristina Valeria Canossa, Un anno pieno di scoperte: i popoli della Mesopotamia e la civiltà egizia (pp. 503-508);

- Alessandra Facchi, Emigrazioni storiche, immigrazioni attuali. Conoscere il passato, capire il presente (pp. 509-513);

- Valeria Lotta, Storie di donne, donne di storia (pp. 551-555);

- Annalisa Ponti, Perché Mirandolina sposa Fabrizio? (pp. 561-565);

- Beatrice Maisano, Get up, stand up (pp. 573-578);

- Roberta Villone, I diritti dell’infanzia (pp. 579-583);

- Irene Giovanna Francesca Cucinotta, Fossoli e la Giornata della memoria (pp. 585-591);

- Stefania Spiritelli, Giorno della Memoria: dalla fabbrica al lager, leggere la città e la sua storia (pp. 593-597).

Si segnalano anche  le Unità di Apprendimento sperimentate dalle insegnanti del Cantiere 8:

- Daniela Figini, Andiamo in archivio (pp. 413-417);

- Maddalena Bogni, “Con queste due righe mal scritte…”. Progetto didattico sulla comprensione di alcune lettere (pp. 419-424);

- Maria Chiara Galli, La Guerra dei Trent’anni in territorio mantovano e il Sacco di Mantova del 1630 tra documenti storici e romanzo manzoniano (pp. 491-496) e La peste del 1630 a Mantova e la scienza medica oggi (pp. 497-502);

- Silvia Carzaniga, Vita quotidiana a Crespi d’Adda, villaggio ‘ideale’ del lavoro (pp. 533-537);

- Flora Clema, L’arte milanese del bucato, con una testimionianza di Mario Ravini, nipote di un imprenditore lavandaio (pp. 539-543);

- Barbara Giglia, L’alba del mondo contemporaneo. Emigranti… immigranti (pp. 545-549);

- Domenica Nucera, La difesa dei diritti delle lavoratrici all’inizio del Novecento: la nascita dell’Ufficio di collocamento per il personale femminile di servizio (pp. 567-572).

Share

Articoli correlati:

  1. Seminario “Per una didattica tra storia, territori e curricolo. Dall’esperienza al modello” (IIS Cremona – ITES Zappa, Milano, 15 aprile 2019), promosso dal Tavolo tecnico-scientifico della didattica della storia dell’USR Lombardia
  2. Incontro di studio “Modelli e prospettive per l’insegnamento della storia” (IIS Schiaparelli, Milano, 11 maggio 2015), organizzato dal Comitato tecnico-scientifico di didattica della storia dell’Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia
  3. Un percorso di formazione e accompagnamento di Didattica della Storia “Costruire un curriculum verticale di formazione storica per l’acquisizione di competenze disciplinari e di cittadinanza” (Bergamo, Brescia, Como, Mantova, Milano e Pavia, 11 gennaio 2017 – maggio 2019)
  4. Paola Lotti ed Elena Monari, “Presentazione” del libro “Incroci di linguaggi. Rappresentazioni artistiche del passato nella didattica della storia”, a cura di Paola Lotti ed Elena Monari, Clio ’92 – Mnamon, Mantova – Milano, 2016
  5. “Guerre e movimenti pacifisti dopo il 1945. Storiografia, cinema, arti visive, letteratura e canzoni” (5 novembre 2020 – 25 marzo 2021): VII edizione 2020-2021 di “Cinema e Storia”, nell’ambito della VII edizione 2020-2021 (“Cultura bene comune”) del Progetto Milanosifastoria
Tags: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Commenti non consentiti.